6 Domande e Risposte Chiave sulla Logistica D2C per l'eCommerce
March 04, 2021
Il D2C è una forte tendenza che cambierà tutto. Scopri tutto quello che hai sempre voluto sapere, dal punto di vista di un esperto.
D2C o "Direct-to-consumer" riguarda la produzione e la spedizione direttamente agli acquirenti senza fare affidamento su alcun grossista o intermediario, e il mondo digitale lo ha reso il nuovo modo cool di vendere prodotti. Inoltre, la crisi sanitaria ha reso ancora più evidente che l'autonomia è un punto di forza e che la tecnologia digitale è fondamentale nella logistica per rispondere a situazioni imprevedibili, soddisfare l'aumento della domanda, rimanere competitivi, ecc. 

Nell'intervista esclusiva con Simone De Ruosi, esperto di ecommerce e CEO di ZeroGrey, passiamo in rassegna le 6 domande chiave a cui ogni brand manager vorrebbe rispondere quando considera il D2C. 

Qual è la più grande sfida logistica per i marchi che vogliono passare a un modello D2C?

Fondamentalmente, tutto si riduce a una parola: efficienza. Oggi i clienti finali hanno grandi aspettative. Per soddisfarli, i venditori devono fornire operazioni veloci e affidabili. Dove la logistica B2B si occupa di pallet, standard, grandi ordini e pochi clienti, i processi B2C si occupano di singoli articoli, ordini personalizzati e clienti potenzialmente infiniti. Come dice Simone di Ruosi, "In uno schema D2C, il magazzino è più simile a un supermercato che a un magazzino B2B! Il Pick & Pack deve essere completamente riavviato e i corrieri espressi devono ovviamente coprire fino all'ultimo miglio".

Quanto tempo ci vuole per vedere i benefici dopo essere diventato un D2C?

Certamente, gli investimenti possono accelerare i tempi, ma la maturazione di un nuovo approccio D2C di solito richiede almeno da sei a dodici mesi.

Cosa succede se le aziende che vogliono passare a un modello D2C offrono già la consegna il giorno successivo attraverso i loro fornitori?


Per rimanere competitive, le aziende dovranno attenersi agli stessi termini e condizioni e offrire almeno lo stesso servizio. Questo è evidenziato in alcuni white paper pubblicati dalle principali aziende di consegna espressa, che confermano che i consumatori stanno cercando più opzioni come prezzi più bassi, consegna 24 ore su 24, armadietti per consegnare e ricevere i pacchetti, tra le altre cose.

Cosa si deve considerare in termini di stoccaggio?


Come menzionato sopra, i magazzini B2C e B2B hanno un'architettura completamente diversa da quella del D2C. Continuando il parallelo che aveva tracciato tra un magazzino D2C e un supermercato, Simone De Ruosi ribadisce che "in un magazzino D2C, il picking può essere più semplice e le operazioni di imballaggio sono spesso effettuate manualmente perché gli ordini non sono standardizzati; quindi spesso si aggiungono dettagli di marketing come biglietti di ringraziamento, regali, adesivi o scatole con il logo della marca, ecc.

L'automazione potrebbe essere una soluzione in questa transizione? 


L'automazione è sicuramente un'opzione valida, ma può essere costosa. Per l'architettura del magazzino, le linee di picking/packing o i sorter, gli investimenti sono di solito nella gamma di 6-7 cifre e possono quindi essere giustificati solo da grandi volumi di affari. Al contrario, gli investimenti sono molto più bassi quando si tratta di software. "Avere una piattaforma di eCommerce che converte istantaneamente gli ordini pagati in movimenti di magazzino è una soluzione conveniente per le PMI e fa parte del nostro lavoro a ZeroGrey", spiega De Ruosi. 

Come ci si prepara, come marchio, alla consegna e al confezionamento personalizzato?

In termini di consegna, costruire una forte partnership con i corrieri espressi può essere nel migliore interesse dei marchi per rimanere informati e agire nel modo migliore. Infatti, tutte queste aziende hanno un dipartimento specifico che studia costantemente i clienti dell'e-commerce e definisce nuovi prodotti e servizi in base alle loro esigenze. 

Per quanto riguarda l'imballaggio, è un'altra storia. Come sottolinea De Ruosi, "il packaging dovrebbe essere visto come parte della strategia di marketing e non come una semplice operazione, poiché porta l'identità del marchio e permette comunicazioni specifiche one-to-one".

Per riassumere il tutto in poche parole, passare a un modello D2C è una decisione intelligente, ma è anche una sfida che deve essere gestita correttamente per evitare effetti inversi.

Lavorare con operatori logistici come ZeroGrey dà continuità ai marchi e li aiuta in tutta la catena del valore, compresa la logistica. L'operatore logistico si prenderebbe cura dello stock dell'ecommerce e fornirebbe la migliore esperienza possibile ai clienti finali, rendendo il marchio più competitivo, con consegne più veloci e un servizio complessivamente migliore. Si potrebbe immaginare un modo migliore per combattere contro Amazon e i principali e-marketplace?