February 25, 2021

Questa pandemia che stiamo vivendo sta trasformando il modo in cui consumiamo e come ci relazioniamo con l'ambiente online. Con le restrizioni, la paura della contaminazione e potenzialmente più tempo libero a casa, nell'ultimo anno la gente ha comprato di più online e ha scoperto nuovi siti. Più che mai, il digitale ha cancellato i confini e dato alle aziende nuove opportunità di business. 


Perché ci vediamo così tanto futuro?


Secondo un sondaggio di Google, nell'era post-covid, il 33% degli utenti spagnoli che hanno fatto acquisti online hanno comprato prodotti su siti web dove non l'avevano mai fatto prima e in Europa il 71% degli utenti ha acquistato prodotti fuori dai propri confini. 

È una realtà, l'e-commerce in Spagna è aumentato nel 2020 l'equivalente degli ultimi 5 anni (fino a rappresentare l'11% delle vendite totali secondo eMarketer). In tutto ciò il commercio elettronico transfrontaliero rappresenta già il 21% del mercato; e seguendo la tendenza, il 26% delle aziende spagnole prevede di investire nella propria capacità di esportazione per accedere a un mercato più ampio!

Quali sono i benefici e le opportunità?


Generalmente, l'e-commerce transfrontaliero aumenta la visibilità, il traffico web, la consapevolezza del marchio e il volume delle vendite. E ora con la crisi sanitaria globale e il ritmo della ripresa economica in ogni stato, può avere ancora più senso. I paesi del Nord Europa o la Cina - da cui proviene il 38% dei nostri acquisti online - si sono ripresi più rapidamente dalla pandemia rispetto alla Spagna o al Portogallo e il potenziale di entrate degli e-shop da questi paesi è quindi molto più alto. 

Quali sono le sfide?


L'internazionalizzazione digitale è diventata una strategia di crescita essenziale che è alla portata di ogni rivenditore che vende online; tuttavia, farlo con successo è complesso e i decisori spesso lo vivono come un enigma eccitante ma rischioso. 

Sappiamo tutti che più l'esperienza digitale si adatta al profilo del consumatore locale, più si sente "a casa", più alto è il tasso di conversione; ma la questione va ben oltre. 

In primo luogo, bisogna prendere misure e azioni obbligatorie per conformarsi ed evitare costi aggiuntivi; e ogni paese ha la propria cultura, i propri regolamenti fiscali e legali, procedure, strumenti e lingue. Piuttosto, bisogna capire le tasse locali e gestire più posizioni IVA; gestire i metodi di pagamento - tenendo presente che ultimamente ogni anno nascono nuove alternative - e gestire le transazioni; assicurare i rimborsi e i ritorni; risolvere i problemi di amministrazione che altrimenti possono esporre a rischi e oneri elevati. 

Inoltre, la logistica e la logistica inversa è letteralmente una sfida chiave, poiché può influenzare negativamente la percezione del business. E la protezione dalle frodi è un'altra. 

Come implementare il Cross Border eCommerce per ottenere il massimo?

Per gestire il Cross Border eCommerce, le aziende possono optare per l'insourcing o l'outsourcing. Anche se a prima vista può sembrare più semplice, la gestione diretta richiede risorse finanziarie e tempo per trattare con una moltitudine di partner e consulenti legali e fiscali. Per questo ci sono anche soluzioni esterne molto valide. Alcune agenzie agiscono come un'entità commerciale, facendo da ponte tra il marchio e il suo cliente finale, gestendo le transazioni da entrambe le parti, mettendo tutti i servizi legali e fiscali sotto lo stesso tetto e semplificando l'intero processo per loro. Questo è il caso di Go Global Ecommerce, per esempio, un fornitore di servizi che permette ai suoi clienti di risparmiare tempo, denaro e fatica aumentando il loro fatturato complessivo. 

In breve, l'evoluzione del mondo digitale è costante e la trasformazione dell'eCommerce una realtà accelerata dalla crisi sanitaria che stiamo vivendo. Il rapido cambiamento e le profonde innovazioni presentano una complessità sempre maggiore... e l'eCommerce transfrontaliero è qui per restare. Per attraversare le frontiere, abbattere le barriere e fare il botto, è meglio essere preparati e in buona compagnia!